Anddos Gaynet Roma: “Solidarietà al centro Baobab dopo ennesimo sgombero”

“Esprimiamo tutta la nostra solidarietà a Baobab Experience che, dopo l’ennesimo sgombero, non trova ancora una “casa” per ospitare i migranti transitanti. Nell’auspicare una soluzione da parte delle istituzioni ringraziamo gli attivisti e le attiviste del coordinamento che ogni giorno accolgono più di 80 persone senza alcun tipo di supporto”.

Così in una nota Rosario Coco, presidente Anddos-Gaynet Roma

 

La giornata della memoria e tutte le vittime dell’olocausto

Il 27 Gennaio 1945 le truppe sovietiche dell’Armata Rossa, impegnate nella offensiva Vistola-Oder in direzione della Germania, liberarono il campo di concentramento di Auschwitz.

Questa data è stata scelta per commemorare le vittime dei campi di concentramento e di sterminio nazifascisti nella risoluzione 60/7 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite del 1º Novembre 2005.

L’Italia aveva già istituito una giornata commemorativa, lo stesso giorno, con la Legge 20 luglio 2000, n. 211 per ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonchè coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati dell’Olocausto e delle leggi razziali e coloro che a rischio della propria vita hanno protetto i perseguitati ebrei, nonché tutti i deportati militari e politici italiani nella Germania nazista.

Mentre nella risoluzione dell’Onu si parla di Olocausto (Holocaust) che, nella lingua inglese, si riferisce tanto alle vittime ebraiche quanto a quelle di altra natura (così secondo il dizionario Merriam-Webster) la legge italiana si riferisce alla shoah e nomina esclusivamente i cittadini ebrei.

Una dimenticanza che sa di censura visto che nei campi di concentramento e di sterminio nazifascisti vennero rinchiuse e uccise oltre alla popolazione ebraica, anche altre persone e gruppi etnici e religiosi ritenuti indesiderabili e per i quali il Terzo Reich aveva previsto e perseguito il totale annientamento: prigionieri e prigioniere di guerra dell’unione sovietica, oppositori politici e oppositrici politiche, persone rom, sinti, jenisch, testimoni di Geova e pentecostali, persone omosessuali, persone malate di mente e portattrici di handicap, come si evince facilmente dalla tavola sinottica dei simboli con cui i prigionieri e le prigionere venivano identificate nei campi.

FireShot Screen Capture #197 - 'Simboli dei campi di concentramento nazisti - Wikipedia' - it_wikipedia_org_wiki_Simboli_dei_campi_di_concentramento_nazisti
schema riassuntivo dei simboli, fonte wikipedia

La giornata della memoria è rivolta, natualmente anche a tutte loro.

Un disegno di legge presentato nella precedente legislatura e ripresentato in quella attuale (22 GENNAIO 2015 Modifiche alla legge 20 luglio 2000, n.211), si propone di annoverare tra le vittime dell’olocausto, oltre a quelle della shoah, anche quelle dei popoli Rom, Sinti e Jenisch (quelli che i nazisti chiamavano zingari bianchi) uno sterminio che in lingua romanì è idicato come Porrajmos, il grande divoramento.
Nessun accenno alle altre vittime nè, tanto meno, a quelle omosessuali.

Massimo Consoli per le vittime omosessuali coniò il termine omocausto.

Bisogna tenere presente che, alla fine della guerra, le persone omosessuali prigioniere nei campi di concentramento e di sterminio non vennero liberate ma tradotte nelle carceri, perchè l’omosessualità era un reato ricosciuto dal Paragrafo 175 del codice civile tedesco, già prima dell’avvento del nazismo, entrato in vigore il 15 maggio 1871,  restandolo fino al 10 marzo 1994.
Le persone omosessuali vennero considerate carcerati comuni e non vittime del nazismo e anche una volta scontata la pena in carcere non si videro ricoscere alcun risarcimento morale o economico.
Massimo Consoli coniò per questo loro le persone omosessuali perseguitate dal nazismo l’efficace espressione omocausto.

Il nazismo si era “limitato” a inasprire le pene previste da quel paragrafo.
Dopo  la fine della guerra la Germania Est (quella “comunista”)  cancellò le aggravanti naziste nel 1950, limitandone successivamente il divieto ai soli rapporti  con le persone minorenni nel 1968, e abolendolo definitivamente nel 1988.
La Germania Ovest (Quella “occidentale”) mantenne invece gli inasprimenti nazisti sino al 1969, quando il paragrafo 175 venne limitato a “casi qualificati”. Attenuato ulteriormente nel 1973 rimase in vigore anche dopo la riunificazione tedesca (tornando in vigore dunque anche nella ex germania dell’Ovest) e abrogato solamente nel 1994.

Ci addolora dover constatare come, ancora oggi, nel 2017, la giornata della memoria si veli di amnesia nella pagina scritta della legge anche se il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel suo discorso commemorativo, tenuto oggi al palazzo Quirinale, ha ricordato tutte le vittime, anche quelle omosessuali.

Dispiace constatare come la giusta rivendicazione per una memoria inclusiva venga distorta e strumentalizzata ai soliti fini antisemiti dimostrando come omofobia, antisemitismo, razzimo e forme di intolleranza verso tutte le presunte diversità sia viva più che mai e inquini la democrazia di questo Paese.

Anddos Gaynet Roma vuole ricordare tutte le vittime del nazifascismo, nessuna esclusa.

 

 

Alessandro Paesano

Vicepresidente Anddos-Gaynet Roma

Roma, bene prima unione civile il 22 ottobre, ma aspettiamo ancora incontro con Virginia Raggi 

20150128_102259
Abbiamo finalmente una data, il prossimo 22 ottobre, per la prima unione civile della Capitale, quella tra gli amici Daniele e Christian, a quali auguriamo davvero il meglio per il loro futuro di famiglia, sperando che questo parziale strumento giuridico possa presto essere sostituto dal matrimonio egualitario.
Questo tuttavia non basta: Roma arriva a questo appuntamento con un considerevole ritardo rispetto a comuni come Napoli, Milano, Palermo o Bologna, che hanno già celebrato le prime unioni ad Agosto. A volte, come nel caso di Margherita, una donna malata terminale a Milano unitasi pochi giorni prima di morire, anche una settimana può fare la differenza.
Le unioni civili sono solo un tassello rispetto ad una serie di interventi concreti da realizzare contro le discriminazioni, di cui i comuni e in particolare la Capitale devono farsi carico.
E’ per questo che si rende sempre più necessario un incontro tra le realtà LGBTI e la sindaca Virginia Raggi, incontro chiesto già due settimane fa da numerose sigle nazionali e romane, tra cui anche Anddos, sul quale si attende ancora risposta.
La posta in gioco non sono solo le celebrazioni, sulle quali abbiamo ora notizie positive, ma le politiche a tutela delle persone LGBTI e più in generale contro ogni discriminazione: nessun altra città come Roma può dare il buon esempio sul piano nazionale a fronte degli oltre 8000 comuni che si apprestano a rapportarsi non solo con la nuova legge, ma anche con una crescente reazione di intolleranza molto diffusa sul territorio e nei social: ultima triste prova di tutto questo lo sciacallaggio mediatico di alcuni account pseudo religiosi che hanno dato la colpa della tragedia di Amatrice alle unioni civili. Contro questi episodi di vera e propria istigazione all’odio è necessaria una profonda azione culturale che deve necessariamente partire dalle realtà comunali e della quale la città di Roma deve tornare ad essere tra i capofila.
Rosario Coco

Presidente Anddos-Gaynet Roma

Lettera al Sindaco di Firenze Dario Nardella nel giorno del Toscana Pride

toscanapride-social

Oggi, in occasione del Toscana Pride – Parata dell’orgoglio lgbt a Firenze,  abbiamo consegnato al Sindaco Dario Nardella una lettera di protesta riguardo le motivazioni (sic!) che lo hanno portato a rifiutare il patrocinio el Comune al Pride.

Eccone il testo:

Al primo cittadino di Firenze Dario Nardella,

Siamo un gruppo romano di persone lesbiche, gay, bisessuali, transgeder, intersex ed etero impegnate  nell’informazione sulle tematiche LGBTI e nella diffusione di servizi utili tanto per il benessere quanto per la salute sessuale dell’individuo.

Le scriviamo in merito alle motivazioni da Lei addotte per negare il patrocinio al Toscana Pride, presentato quale evento politico “che divide”.

Il “Toscana Pride”, come ogni altro Pride in Italia e nel resto del mondo, è un momento di commemorazione dei movimenti di lotta che nel 1969 videro per la prima volta le persone LGBTI combattere per i diritti negati: gli stessi diritti umani di ogni altro cittadino e cittadina.

I diritti umani non hanno colore politico ma sono universali come ribadito nel Manifesto del Toscana Pride e come riconosciuto dalla Dichiarazione dei diritti umani che anche l’Italia ha firmato,  come sanno bene le centinaia di Istituzioni, italiane e internazionali, che hanno patrocinato i Pride del Paese. Anche a Roma – dopo quelli delle ambasciate statunitense, francese, canadese e tedesca – il nostro comune commissariato si è sentito in dovere di dare il patrocinio.

Le ricordiamo che secondo la Disciplinare delle attività di rappresentanza istituzionale del sindaco e della giunta del comune di Firenze “Il patrocinio può essere concesso dal Sindaco a quelle iniziative e manifestazioni che coinvolgano parte o tutto il territorio comunale o abbiano una rilevante ricaduta per il territorio e la comunità cittadina e che presentino almeno uno dei seguenti requisiti:

  1. Siano pertinenti ai settori di attività di competenza dell’Ente;
  2. Siano corrispondenti alle esigenze di particolare valore sociale, morale, culturale, celebrativo, educativo, sportivo, ambientale ed economico che il Comune di Firenze rappresenta” (art. 2, c. 2)”.

Il Toscana Pride, come ogni marcia dell’orgoglio, è una manifestazione che risponde oggettivamente a pieno titolo a questi requisiti, riteniamo dunque che la Sua motivazione contraria non sussista, a meno che non esprima – quella sì – un punto di vista politico che Lei, in quanto Primo Cittadino, non può permettersi perché rappresenta l’intera cittadinanza e non solo quella parte di elettorato che l’ha votata.

Ci appare inaccettabile anche la dichiarazione del Capogruppo PD Angelo Bassi il quale, nel sostenere  la Sua decisione, è arrivato a presentare il Pride come un evento divisivo affermando  “Quanto al Gonfalone le nostre idee sono chiare: sfila nei cortei se ci sono temi che uniscono” come se l’uguaglianza e la parità dei diritti fossero mere opinioni e dunque soggette all’agone politico, e non  principi universali e imprescindibili.

Pur apprezzando il gesto di avere esposto la bandiera arcobaleno sulla facciata di Palazzo Vecchio per ricordare le vittime della strage di Orlando riteniamo che sia ipocrita esprimere vicinanza ai morti e alle morte di quella strage mentre non si reputa opportuno sostenere le iniziative per i diritti di chi è in vita.

Veniamo a consegnarle con questa lettera tutto il nostro sdegno per una decisione arbitraria e omofoba.
Anddos-Gaynet Roma

Open, sabato 2 Aprile parliamo della stampa e dei “festini gay”

OPEN, di Anddos-Gaynet Roma, è l’evento quindicinale nel quale l’associazone si apre alla città per conoscerci e incontrarci, tra un aperitivo e due chiacchiere informali.

Per questo secondo incontro il tema che proponiamo è

Esistono i “festini gay”?

Vogliamo chiederci perchè la stampa si ostina a parlare di un “mondo omosessuale” caratterizzato da un presunto “stile di vita gay” invitando chiunque voglia  venirci a trovare a una riflessione sul linguaggio dei media e il caso Varani.

Ci vediamo Sabato 2 Aprile dalle 17 alle 19 in Via Costantino 82 (Metro B, Basilica San Paolo)

L’ingresso è riservato ai soci e alle socie

info@anddos-gaynet-roma-org

cell. 327 3264024

http://www.facebook.com/GaynetRoma

5 Marzo: il discorso di Valerio Mezzolani, segretario Gaynet Nazionale

La piazza di ieri
La piazza di ieri

Ieri 5 marzo la manifestazione Ora diritti alla meta, dove decine di migliaia manifestanti hanno colorato piazza del Popolo a Roma per dire che le unioni civili sono un primo indispensabile passo ma che l’obiettivo è la piena e totale uguaglianza del matrimonio.

Oltre alla segretaria CGIL Susanna Camusso, che ha salutato i manifestanti dal palco ricordando la connessione fra le rivendicazioni della piazza e i temi delle discriminazioni sul lavoro, presente anche Amnesty International e Telefono rosa.

Quasi trenta le associazioni organizzatrici intervenute sul palco, aperto da Marilena Grassadonia di Famiglie Arcobaleno a ricordare che sono proprio i diritti dei minori ad essere stati esclusi dal ddl Cirinnà uscito dal Senato dopo lo stralcio dell’adozione del configlio.

Vista dal palco
Vista dal palco

Tanti gli artisti e gli ospiti che hanno voluto offrire il proprio contributo, da Giulia Innocenzi che ha servito la causa come presentatrice a Francesca Vecchioni, Emma Marrone e Paola Turci.

Noi di Gaynet abbiamo voluto fornire il nostro contributo con una riflessione sul valore delle parole, uno dei temi che più ci stanno a cuore (ricordiamo che qua sul nostro sito è scaricabile una versione dello Stylebook, glossario di termini a tema LGBT per tutti gli operatori dell’informazione).

Ecco una trascrizione del mio discorso dal palco di ieri per Gaynet.

Valerio Mezzolani

Alcuni momenti del discorso per Gaynet
Alcuni momenti del discorso per Gaynet

“Care e cari tutt*,

sui giornali, sui telegiornali, sui social network in questo ultimo periodo si sono lette tantissime parole su di noi e per fortuna, una cosa che, possiamo dircelo, ci fa molto piacere anche perchè non era mai avvenuta prima.

Tanti giornalisti però, troppi, hanno usato frequentemente espressioni come ‘matrimonio gay’, ‘adozioni gay’, ‘nozze gay’, che non rendono giustizia né a noi né, tantomeno, alla lingua italiana.

Il matrimonio infatti, in lingua italiana, è un istituto che indica l’unione fra due persone a prescindere dal sesso e noi non abbiamo alcuna intenzione di regalare la lingua italiana agli omofobi della cosiddetta famiglia tradizionale; perchè siamo italiani anche noi e questa lingua è anche nostra!

Sull’espressione ‘adozioni gay’, poi, non ci sarebbe nemmeno da discutere. Vi pare che un’adozione possa essere etero o omosessuale? Adozione è adozione, e noi la rivendichiamo in quanto persone.

Poi c’è un’altra espressione, questa davvero infame, che si è fatta strada ultimamente; riguardo alla gestazione per altri, definita ‘utero in affitto’. Chi usa questa frase vuol dire una ed una sola cosa: che le donne sono oggetti. Ecco perchè questa lotta non è solo nostra, è la lotta di tutti coloro che sono uniti contro il sessismo patriarcale!

Noi di Gaynet, in conclusione, vorremmo che quando si usano le parole si tenessero in conto anche i contenuti.

‘Nomina nuda tenemus’, diceva Umberto Eco ne Il nome della rosa, ‘possediamo soltanto nudi nomi, nude parole’. Siamo noi a dare un contenuto a queste nude parole, non è un libro sacro, non è la legge, siamo noi con le nostre testimonianze, le nostre esperienze, le nostre vite.

Matrimonio, adozione, facciamo nostre queste parole, perchè la nostra è anche una rivoluzione culturale, e possiamo esserne fieri!”

Unioni Civili, la mobilitazione del 23 gennaio arriva anche a Roma

“Accogliamo con entusiasmo e determinazione l’appello lanciato in tutta Italia da associazioni e attivisti per sabato 23 gennaio, per ribadire i principi di laicita’ e uguaglianza in occasione della discussione della proposta di legge sulle Unioni civili che iniziera’ martedi’ 26 gennaio.

Ci attiveremo affinche’ anche Roma si mobiliti in un presidio, a Largo Goldoni alle 11″: lo affermano in una nota congiunta Imma Battaglia, presidente onorario di Di’ Gay Project e Rosario Coco, presidente di Anddos-Gaynet Roma. Secondo Battaglia e Coco bisogna “portare in piazza un’azione significativa di liberta’ e liberazione, che esprima tutto il nostro rifiuto a qualsiasi ulteriore compromesso al ribasso e coinvolga davvero tutta la cittadinanza, facendo comprendere con chiarezza l’importanza fondamentale per tutto il Paese di questo provvedimento che e’ un primo passo avanti per la piena uguaglianza delle persone lgbt, per tantissime coppie eterosessuali che convivono e per la crescita dei valori di liberta’ e inclusione della nostra democrazia”

Fonte: ANSA

Due gay aggrediti nella notte a Milano. Ma che notizia è?

Apprendiamo dalla stampa l’aggressione avvenuta la scorsa notte ai danni di due ragazzi omosessuali.

Dalle notize che leggiamo non si capisce la dinamica del’aggressione e nemmeno le motivazioni.

Per i gironali consulati i due ragazzi sono gay e sono stati aggrediti per questo.

Ci chiediamo: come hanno fatto a capire gli aggressori che i due ragazzi erano gay?

L’aggressione è avvenuta per motivi omofobici, cioè i due ragazzi sono stati aggrediti in quanto gay?

Dai giornali non possiamo dirlo.

Il corsera si limita a riportare la denuncia di Arcigay Milano che però non spiega motivi o dinamiche

Due ragazzi gay sono stati picchiati nella notte tar venerdì e sabato mentre uscivano dal lavoro. Lo rende noto Arcigay, precisando che i giovani hanno riportato varie lesioni e sono stati accompagnati in ospedale. Una denuncia è stata presentata contro ignoti. (corsera cronaca di Milano)

Il giorno dà qualche notiza in più, senza spiegare niente

Il sospetto è di un’aggressione mirata perché omosessuali, bersaglio due giovani vestiti da donne [sic!] appena usciti da lavoro.

Ci chiediamo i due ragazzi sono gay perchè vestono da donna o vestono da donna perchè sono gay? E che c’entra il lavoro? Vestono da donna perchè sono gay o perchè lavorano? E qual è il lavoro che fa vestire da donna?

Appena avremo qualche notizia in più vi evinceremo…