Facebook censura Alda Merini, 30 giorni di blocco per chi pubblica il seno nudo della poetessa 

In data odierna è stato bloccato per 30 giorni l’account facebook di Rosario Coco, presidente di Anddos-Gaynet Roma, ‘reo’ di aver pubblicato come immagine di copertina un nudo artistico di Alda Merini (in foto).  Le immagini dell’artista erano già state rimosse diverse volte, come testimoniato dagli screen pubblicati da alcuni utenti negli ultimi giorni.
Perché censurare un personaggio come Alda Merini  tra i pilastri della nostra letteratura del ‘900? I suoi nudi fotografici costituiscono un messaggio fondamentale in termini di critica ai canoni di bellezza femminile ed emancipazione della donna. ‘E l’imperfezione che fa scandalo’ diceva Alda, che denunciava anche di essere stata  ‘spogliata come una cosa’ in manicomio.
Si tratta dell’ultimo di una lunga serie di episodi in cui il popolare social network non riesce a distinguere il nudo artistico dalla pornografia. Ben consapevoli del fatto che Facebook abbia tutto il diritto di stabilire le proprie regole, è proprio ai suoi principi fondamentali che ci appelliamo:
Siamo sicuri che il nudo di Alda Merini sia un ostacolo a un ‘modo più aperto e connesso’? Gli standard di Facebook fanno riferimento a particolari sensibilità dovute a culture ed età: dovremmo allora censurare anche le donne in bikini?
Il limite alla libertà culturale deve sempre avere a riferimento la concretezza dei diritti individuali: nessuna persona può essere costretta a spogliarsi o a mettersi nuda, anche se indossa un burqa: tuttavia, al contempo, non può essere censurato chi si spoglia per ragioni artistiche e usa il corpo per esprimere dei valori, tantomeno se viene fatta una distinzione tra nudo maschile e femminile. 
Questa è una discriminazione, oltre che una repressione della cultura e dell’arte. Saprà Facebook cogliere questa sfida? Ce lo auguriamo tutti e tutte.

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web