Cecenia, perchè essere in piazza al grido di “Noi esistiamo!”

L’appello lanciato per domani, sabato 22 aprile, sotto lo slogan “Noi esistiamo” assume in queste ore un’importanza fondamentale. Le autorità cecene hanno più volte affermato la non esistenza stesse delle persone lgbti sul proprio territorio, una negazione della dignità umana di una violenza che ha rari precedenti e che nelle ultime ore trova anche la sponda delle autorità russe, alle quali non risultano conferme delle denunce di Novaya Gazeta.

Esserci, e affermare di esistere con in nostri volti e le nostre vite, significa:

 

    • rifiutare l’incredibile degenerazione omofoba che si è verificata in Cecenia in queste settimane;

 

    • denunciare l’incredibile escalation persecutoria in Cecenia, l’aggravamento di una situazione simile alle peggiori pulizie etniche, senza dimenticare quei 76 stati del mondo in cui ancora l’omosessualità è un reato e quei 7-8 Paesi in cui ancora vige la pena di morte;

 

    • accendere i riflettori sulla Cecenia senza spegnerli in tutte quelle aree in cui le discriminazioni e l’omofobia si fanno largo anche quando non ce lo si aspetta, come per esempio anche nello staff del presidente americano Trump.

 

    • ricordare che le cento persone recluse in Cecenia come tutte le persone Lgbti in queste situazioni sono quasi sempre sole e senza alcun punto di riferimento. Per loro, non esiste focolare o famiglia che li accolga, come avviene per altre comunità discriminate. E’ chiaro che le sofferenze, le discriminazioni e le morti hanno tutte la medesima gravità, ma nelle modalità e nei motivi che portano la mente umana all’orrore, purtroppo, non c’è mai fine.

 

Noi esistiamo quindi. E siamo chiamati a rispondere con forza alla chiamata degli attivisti e delle attiviste russe.

In queste ore, solo la metà delle persone che hanno chiesto aiuto sono state messe in salvo. Le ambasciate di tre Paesi europei si sarebbero attivate per accelerare le procedure di rilascio del visto. Oltre 100 persone sarebbero ancora rinchiuse in una prigione segreta a seguito di una vera e propria operazione di “pulizia”.

Per questo, la piazza di domani sarà rivolta in primo luogo alle autorità russe, affinché si attivino seriamente per interrompere questo orrore e, in seguito, alle nostre istituzioni, affinché il Governo italiano prenda un posizione forte e la Farnesina si attivi rapidamente per agevolare in modo concreto le procedure di richiesta d’asilo per eventuali domande provenienti dalla Cecenia.

Roma, sabato 22 aprile, ore 16:30, Via Gaeta ang. Viale Castro Pretorio.

Le autorizzazioni della questura sono state chieste dai promotori dell’appello “Fermiamo l’omocausto ceceno”

APPELLO ED EVENTO FACEBOOK NOI ESISTIAMO  

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web